Direttore:
Vicedirettori:
Redazione:
L'unica rivista italiana interamente dedicata alle Misure, alle Prove e ai Controlli Qualità
Anno:

NOVITA' DALLE AZIENDE

I nuovi moduli mobili su base CAN semplificano l’acquisizione dei dati in condizioni difficili
The new CAN-based mobile modules simplify data acquisition in difficult conditions

HBM ITALIA


I nuovi moduli di acquisizione dati robusti, mobili e su base CAN del tipo SoMat cDAQ di HBM sono già disponibili. Con dimensioni di 35 mm x 217 mm x 50 mm, i moduli cDAQ compatti offrono con HBM una rete flessibile e distribuita di alto livello per l’elaborazione del segnale in ogni tipo di ambiente e con ogni condizione atmosferica.

Progettati per l’impiego in intervalli di temperatura estremi (da -40 a 125°C) nel tipo di protezione IP67, i moduli cDAQ consentono di eseguire misurazioni direttamente sui più difficili oggetti di prova. Tra i campi di applicazione troviamo blocchi motore, cambi, pompe, produzione di elettricità e molte altre applicazioni industriali. Questi moduli riducono i tempi di installazione, il cablaggio e il montaggio di prova, diminuendo al contempo i costi complessivi delle prove di prodotto.

I flessibili moduli cDAQ sono compatibili con tutti i sistemi CAN ISO 11898 su base 2.0B o i sistemi bus veicolo e hanno una velocità di trasmissione selezionabile da 20 kbit/s a 1 Mbit/s. Tramite CANbus è possibile collegare più moduli consentendo un numero di canali pressoché illimitato con distanze fino a 250 metri. I moduli vengono alimentati tramite una sorgente di corrente continua semplice da 8 a 36 Volt, collegata al primo modulo e distribuita poi all’intera rete.

I moduli cDAQ sono ideali per il collegamento ai sistemi di acquisizione dati robusti e mobili eDAQ ed eDAQlite di HBM, ma si inseriscono comunque in qualsiasi rete CAN.

Il modulo cDAQ-ITC è disponibile in versione a 16 canali con separazione galvanica per termocoppie del tipo K, J o T. Ogni canale dispone di una compensazione a giunto freddo individuale ed è completamente isolato fino a 500 V, con una precisione di ±0,5 °C. La cadenza di interrogazione può essere impostata singolarmente per ogni canale da 0,1 a 15 Hz. Il cDAQ-ITC dispone anche di filtri digitali e analogici, per schermare parti di segnale con frequenze elevate di oltre 50 Hz e filtri notch da 50 Hz e 60 Hz, che impediscono l’aliasing delle bande di frequenza nella corrente di alimentazione.

Altri moduli per la gestione dei segnali dovrebbero arrivare sul mercato già quest’anno e offrire ancora maggiore flessibilità nell’acquisizione di dati con cDAQ anche in condizioni difficili.

Ulteriori informazioni sono reperibili all’indirizzo web:

www.hbm.com/somat

HBK Italy srl

www.hbkworld.com

Aggiungi un commento
- I commenti saranno resi visibili a seguito dell'esame da parte della Redazione -


Il tuo nome La tua e-mail    

INDICE ALTRI NUMERI






Visita il sito di Atena Informatica

Via Principi d'Acaja 38
10138 - Torino
info@affidabilita.eu
www.affidabilita.eu
Tel. +39 011 02.66.700
Fax +39 011 02.66.711
La manifestazione
italiana dedicata
all'Innovazione
e alle Tecnologie
L'unica rivista
italiana interamente
dedicata alle
Misure, Prove,
e Controlli Qualità